Tutto doveva essere perfetto: la sua poltrona, di fronte alla finestra aperta, quanto bastava per vedere il suo salice, la distesa di prati e i campi di grano.
Seduto con il blocco-notes in mano e un lapis blu.
Gli piaceva usare un notes per scrivere i suoi racconti, li piaceva sfogliarli velocemente, come si fa con i disegni dei cartoni animati.
“Diventano vive, veloci, pare si animino” diceva. Come i suoi pensieri.
Scriveva sempre in matita come se dovesse cancellare quello che non gli piaceva.
Solo, se avesse potuto sottolineare con un lapis rosso le cose belle, i pensieri sereni, i sentimenti dolci e volassero in alto, nel cielo come palloncini e scoppiassero come fuochi d’artificio silenziosi e colorati.
E si potessero cancellare sofferenze e ricordi … con una gomma qualsiasi.
Le mani un po’ tremanti e sudaticce trattenevano il foglio bianco; che bianco sarebbe rimasto per poco.
All’orizzonte, oltre il salice, c’erano per lui luoghi conosciuti, che descriveva nei minimi dettagli, nei particolari più inquietanti, nelle anime dei protagonisti.
Mai visti prima e mai incontrati, cuori che piangevano sentimenti e anime erranti che raccontavano le loro storie.
E lui scriveva. Scriveva.
La mano sempre più ferma, calma e decisa, come sotto dettatura, con dovizia di dettagli, colline, case, vicoli, nulla gli sfuggiva o gli era sconosciuto.
Ne aveva fatti così tanti di viaggi nella sua vita, che ora li poteva descrivere uno ad uno, dalla sua poltrona dinnanzi al salice.
Ricordava profumi, colori, ed il passato si srotolava davanti ai suoi occhi come una vecchia pergamena.
Limpida,  pulita, essenziale, come i suoi viaggi.
Come le parole che riempivano fogli e fogli, senza sbavature, senza cancellature.
Con un lapis blu.
Aveva visitato mille luoghi, visto mille volti, conosciuto uomini, donne , bambini.
Camminato fra montagne e spiagge, prati e radure, boschi e deserti, città e vallate.
Si era abituato  ad annusare odori di qualsiasi genere, di locali bui e umidi, di profumi ed essenze, spezie, piante, fiori e serre.
Ma nulla era simile a ciò che le sue narici percepivano ora, alle sensazioni che stava provando in quel momento.
Un aroma particolare, indecifrabile persino per lui, un miscuglio di rose e viole.
Selvaggio e delicato.
Persistente e leggero.
Inebriante.
Prendeva forma intorno a lui, come argilla tra le mani di un vasaio.
Le mani tremavano un po’, il lapis gli scivolava tra le dita e il fluire delle parole si blocca a metà del foglio: per pensare, per setacciare i ricordi, con lentezza minuziosa, alla spasmodica ricerca dell’origine di quell’aroma che aveva invaso la sua anima.
I suoi 40 anni, troppi per il corpo, pochi per il cuore, li rendevano la generosità dei suoi racconti, all’ombra dell’albero che gli aveva regalato la pace.
“La mia solitudine è viva” diceva.
E le sue storie erano vive, come se “ci stessi dentro”.
Aldo riprese il lapis fra  le dita, non c’era nulla da cancellare, ma ancora tanto, tanto da scrivere.
Quel profumo apparteneva sicuramente ad una donna, ne era certo, ma ne aveva incontrate così tante!
L’aroma invadeva la stanza, arrivava al salice, o forse era il contrario…
Una sagoma prendeva forma nella sua mente, a farla sua, ad amarla e viverla intensamente.
Come fosse vera. Come esistesse già.
Quella donna che aveva cercato inconsciamente in tutti quei viaggi, ma che non aveva trovato.
Non ancora, almeno.
Era la prima storia che non riusciva a raccontare, apparteneva a lui, ma non era capace a descriverla, a vedere il suo volto.
Tutto questo lo inquietava e lo eccitava, lui: il famoso Aldo si trovava a disagio di fronte ad un “profumo”, al punto da non essere più concentrato come una volta.
La sua mente si offuscava, e non se lo poteva permettere, non lo voleva permettere.
Chi era costei che minava una parte della sua vita?
Il suo amato lavoro, la sua passione di sempre?
Quando si trattava di sé stesso, i dettagli si mischiavano, il dolore e la gioia non erano più così nitidi e separabili.
Raccontava le storie degli altri, in tutti i suoi dettagli, ma di lui si sapeva ben poco.
Lui era gli “occhi degli altri”, ma la sua curiosità era diventata un’esigenza; quella era la “sua” storia e non un viaggio qualunque, in un punto qualsiasi del mondo.
Alzò gli occhi, il salice era là, ombroso amico di sempre.
Doveva raggiungerlo, sedersi sotto i suoi rami, ed aspettare.
Assaporare quel profumo ed aspettare.
Uscì, lentamente camminò tra i prati dall’erba verde, tra le prime spighe di grano, fino ad arrivare al salice ed appoggiarsi al tronco.
Ora, era lui, la storia, e non la sapeva scrivere, non la poteva ancora scrivere.
Tornò al suo notes e al lapis blu, a raccontare i viaggi di sempre, ispirato dall’amore di un profumo di rose e viole.
Era il tramonto, che colori stupendi!
Amava il tramonto: lo considerava il riassunto di tutta una giornata e poteva offrire ancora, la magia della notte.
Non era riuscito, quel giorno, a fare la sua passeggiata fino al salice e li lanciò un rapido sguardo tra i raggi stanchi della sera.
Un’ombra era appoggiata al tronco, una sagoma nuova, in quello che era il suo posto.
Lunghi capelli scuri, scivolavano su un leggero abito a fiori.
“Rose e viole…” Pensò in un attimo, lanciando in fretta sulla poltrona lapis e notes.
Non vedeva ancora il suo viso, ma sentiva il suo profumo.
“Ora potrò scrivere la mia storia con il lapis rosso..” pensò, prima di correre verso il salice.

Posted by:Souza Pereira

Souza Pereira (Recife, 1994). Escritor e Editor chefe da Revista Philos. Biomédico e Mestre em Genética pela Universidade Federal de Pernambuco. Cursou História crítica e social do pensamento, da literatura e das Artes (Portugal). É co-fundador da casa editorial Camará Cartonera e do Espaço Cultural Maus Hábitos (Brasil). Autor dos livros A tarde dos elefantes e outros contos (2014), Polissemia (2015) e Olhos de Onda (2016). Artista visual e colaborador do Espacio Cultural Violeta (Chile) e do Colóquio Escrever nas Margens (Portugal). Colabora com diversas revistas de literatura latina na Europa e América Latina.

One thought on “Dal salice all’infinito, por Daniela Balestrero

Comentários

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s